La Spider-Woman di Manara che ha fatto impazzire il mondo del fumetto

Avatar Il Vecchio Nerd | Settembre 30, 2014

spiderwoman--644x662

I lettori di fumetto quest’estate si son trovati tutti coinvolti in un ciclone da cui nessuno è riuscito a scappare: come avrete capito ,parlo del terribile “scandalo” della Spider-Woman di Milo Manara. Andiamo con ordine : la Marvel negli ultimi anni ha visto imporsi con forza e merito il “girl power” sia a livello di autori (Sara Pichelli su tutte) e a livello editoriale (siamo intorno alle dieci testate dove il protagonista principale è una donna), ma mancava ancora la testata del personaggio che più di tutte ha avuto il merito di sdoganare i personaggi femminili da semplici oggetti ammiccanti e vestiti in modo sexy: ovvero Spider-Woman (un pedsonaggio forte con un background da spia e doppio giochista e che aveva la caratteristica grafica di essere completamemte coperta dal costume , se si esclude la bocca). Sfruttando un evento che coinvolge tutte le testate dei “ragni Marvel” la casa editrice decide che i tempi son maturi per rilanciare il personaggio ma commette un enorme errore . L’editor a cui viene affidare la gestione autoriale della serie contatta alle matite della serie Greg Land , disegnatore famoso per “barare sulle tavole” ricalcando spesso volti direttamente da riviste adulte, ma soprattutto contatta Milo Manara per realizzare una variant cover .

La Marvel decide di mostrare la copertina di Manara per promuovere l’albo ed èsplode l’inferno: Manara viene accusato di maschilismo per via della posa e tutto il mondofumetto, dai lettori agli autori, sente il dovere di intervenire pro o contro l’autore …perdendo spesso il vero punto della questione. La questione assume dei toni grotteschi quando una blogger decide di “correggere” la posa del maestro italiano e Manara stesso , piuttosto stizzito decide di rispondere con uno schizzo che dimostra l’ inesattezza delle correzioni della blogger.

manara spider woman

Intanto la cover schizza in vetta ai preorder dei distributori di comics, i giornali generalisti fanno passare i lettori di fumetti come persone bigotte e la Marvel decide di rallentare la produzione di variant firmate Manara in uscita per altre testate pur non rompendo la collaborazione col maestro italiano. E pensare che sarebbe bastato semplicemente dire “l ‘editor di Spider-Woman poteva scegliere un altro cover artist”. Occasione sprecata per dimostrare che il mondo del fumetto può trattare degli argomenti controversi con maturità. Peccato.


Written by Il Vecchio Nerd


Comments

This post currently has no responses.

Leave a Reply








Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.